Inaugurazione Mostra di Pittura di Giovanni Comparone Sciacca dal 10 al 18 settembre 2016

invito

Il Circolo di Cultura di Sciacca accoglierà nelle proprie sale espositive la personale dell’artista Giovanni Comparone.

L’inaugurazione della mostra di pittura intitolata “Un estate fa” si terrà sabato 10 settembre 2016 alle ore 19,30 e le opere saranno visibili al pubblico sino al 18 settembre 2016.

Giovanni Comparone è nato a Castellamare di Stabia (Na) nel 1947, oggi risiede a Sciacca, città marinara che lo ha adottato.

Arruolato nell’Arma dei Carabinieri intraprese la carriera di Sottoufficiale con incarichi di responsabilità, terminata nel 1994.

Attualmente ricopre diversi incarichi, tra cui riveste la carica di dirigente del Circolo il Nautico Corallo.

Ricorda ancora che ebbe in dono il suo primo cavalletto giovanissimo mostrando da subito una chiara creatività ed una spiccata attitudine per la pittura.

Autodidatta, gli piace definirsi “artigiano della materia” tanto da ricercare sempre nuove tecniche e tematiche nell’ambito dell’iperrealismo riuscendo a creare quella forza emotiva che si riscontra in tutte le sue opere.

E’ nel 1979 che Giovanni Comparone ottenne un grande successo pubblico e di critica per la sua prima mostra personale a Sciacca.

Nel suo percorso artistico è protagonista di numerose mostre personali, collettive ed estemporanee ottenendo sempre grandi successi e eccellenti premi, tra i quali la medaglia d’oro al XXIX Concorso “Premio Primavera” a Foggia nel 1997.

La mostra di pittura di Comparone ospiterà 30 dipinti e consentirà al visitatore di accertarne l’abilità tecnica, la padronanza della tavolozza, l’equilibrio nelle composizioni e quindi di verificare l’ottima fattura dei dipinti curati in ogni dettaglio.

Non ci si deve aspettare quindi una raccolta di opere astratte, di difficile interpretazione, ma al contrario si possono ammirare dipinti riconoscibili, che trasmettono un senso di pacatezza e serenità interiore.

Patrocinata dal Circolo Nautico il Corallo, dal Comune e dalla Sezione ANCC di Sciacca la mostra di pittura sarà aperta al pubblico dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 22.00  tutti i giorni dal 10 al 18 settembre 2016.

Pubblicato in News

Presentazione del libro: NE’ VIVI NE’ MORTI L’odissea della nave Hedia e l’assassinio di Enrico Mattei

NE’ VIVI NE’ MORTI

L’odissea della nave Hedia e l’assassinio di Enrico Mattei

Ecco il più incredibile giallo della marina del XX secolo, brillantemente risolto con un’inchiesta sul campo durata due anni, da Gianni Lannes, un ex giornalista investigativo italo-francese.

Il 14 marzo 1962 la nave “l’Hedia”, un mercantile di 4 mila tonnellate varato nel 1915, battente bandiera liberiana ma di proprietà della Compania Naviera General S.A. di Panama con sede a presso il Banco di Roma di Lugano, con diciannove marinai italiani e un gallese a bordo, scomparve al largo delle coste dell’Africa Settentrionale.

Il presunto naufragio della Hedia fu immediatamente accompagnato da voci contraddittorie, sospetti e soprattutto misteri.

Alcuni ipotizzarono perfino il siluramento da parte di unità della marina militare francese impegnata nel Mediterraneo a stroncare il rifornimento di armi al Fronte di Liberazione Algerino, altri pensarono che sia stato frutto di un tragico errore.

Sullo sfondo della storia lo sfruttamento di idrocarburi del Sahara, l’improvvisa uscita di scena di Enrico Mattei, che il 6 novembre si accingeva a firmare un accodo strategico con il presidente algerino Ben Bella.

Dive è andata a finire la nave con tutto l’equipaggio nessuno lo sa!

Quello che si sa è che la Hedia levò le ancore da Venezia e caricò ufficialmente concimi a Ravenna, da cui partì il 16 febbraio 1962 diretta in Spagna, con uno scalo intermedio a Casablanca sulla rotta del ritorno.

Il 21 marzo il centro radio di Tunisi captò un messaggio, poi rilanciato il 22 anche dal comando inglese di radio Malta, con il quale di dava informazione a tutti i natanti in navigazione che il mercantile Hedia aveva notificato la sua posizione a ridosso dell’isola di La Galite e si trovava in difficoltà a causa di una burrasca.

Che cosa accadde a bordo per non trovare il tempo di lanciare un mayday, quale evento così, improvviso e non certo una tempesta annunciata e affrontata coscientemente, colse di sorpresa l’equipaggio?

Il 14 settembre il quotidiano Il Gazzettino di Venezia pubblicò una foto scattata da un reporter dell’United Press, Jim Howard, che riprendeva un gruppo di prigionieri europei nell’ambasciata francese ad Algeri il 2 settembre del 1962.

Fu così che la signora Balboni, moglie del cuoco di bordo Ferdinando, riconobbe il marito, e anche la madre del secondo ufficiale Elio Dell’Andrea, identificò il proprio figlio.

I familiari del fuochista Giuseppe Orofino, del marinaio di coperta Filippo Graffeo e del marconista Claudio Cesca firmarono davanti ad un notaio, il “riconoscimento senza possibilità di equivoco” dei loro famigliari scoparsi.

Il 31 luglio alcuni parlamentari, basandosi su questa inchiesta, hanno inviato un’interrogazione parlamentare (numero 4-10090) sul caso al governo: a tutt’oggi, però, non è pervenuta alcuna risposta. Gianni Lannes ha dimostrato che le verità ufficiali italo-francesi sul caso, ovvero il naufragio, non sono veritiere, e che la fine di Mattei ha un altro movente sepolto nell’ombra delle verità indicibili.

L’autore l’11 febbraio 2016 ha indirizzato una lettera aperta al presidente francese Hollande, tramite l’ambasciatore Catherine Colonna, per sapere dove sono sepolti i marinai dell’Hedia.

Di questo e di altro ancora si discuterà il 29 agosto 2016 alle ore 21,00 presso l’atrio superiore del comune di Sciacca in via Roma r. 13 alla presentazione del libro: NE VIVI NE MORTI Odissea della nave Hedia e l’assassinio di Enrico Mattei con Gianni Lannes, autore del libro ed Accursio Graffeo infaticabile promotore delle ricerche.

Sostenitore di questa interessante iniziativa anche il Circolo Nautico il Corallo di Sciacca

Pubblicato in News